Come compilare il modello CID-CAI?

Come deve essere compilato il modello CID/CAI? Quali sono le sezioni del documento? Quali sono le informazioni che devono essere riportate al loro interno? Una guida dettagliata e illustrativa, al fine di fornire le spiegazioni utili per compilare adeguatamente il modello CID/CAI, senza incorrere in errore. .

L'incidente automobilistico corrisponde ad uno dei momenti più critici della vita di ognuno, in quanto la paura, la tensione e lo sconvolgimento, regnano sovrani durante i minuti o le ore successive. Tuttavia, proprio in questi momenti, la prassi assicurativa RCA, prevede la formulazione di uno dei documenti più importanti, il modello CID/CAI.
Tale documento è la base di partenza dalla quale procedere per la pratica assicurativa: nonostante il momento di confusione, dunque, è indispensabile mantenere un minimo di lucidità e cercare di redigere tale modello nel miglior modo possibile.
Molte volte, in questi casi, la confusione dei conducenti, spinge quella classe subdola di speculatori italiani a modificare e falsificare le informazioni a proprio interesse, con l'obbiettivo di ricavarne profitto.
Conoscere perfettamente i campi e le informazioni da inserire all'interno del modello CID/CAI costituisce una marcia in più, per evitare di impannarsi e commettere errori irrimediabili.

CHE COSA È IL MODELLO CID/CAI?

Il modello CID/CAI, costituisce una serie di fogli che vengono consegnati al momento della stipula dell'assicurazione: esso rappresenta un documento scritto che si compila dopo un incidente, da parte di entrambe le parti coinvolte, e comprende tutte le informazioni riguardanti l'accaduto.
All'interno del modello CID/CAI, inoltre, devono essere indicate anche le dinamiche dell'incidente, in modo tale da fornire un documento attendibile sul sinistro, così da procedere legalmente e secondo la procedura prevista per il risarcimento assicurativo.
Una volta che si conoscono le regole per la compilazione del modello CID/CAI, è indispensabile mantenere la calma anche in situazioni, comprensibilmente, sconvolgenti.
Ancora una volta si ribadisce l'importanza del modello CID/CAI, dunque è indispensabile valutare, antecedentemente e attentamente, ogni singola parte, in modo tale da non risultare impreparati al momento debito.

DOVE POTER TROVARE IL MODELLO CID/CAI?

Il modello CID/CAI, normalmente, viene fornito dalle compagnia assicurative al proprio cliente, al momento della stipula della polizza RCA.
Tuttavia, è possibile trovare il modulo CID/CAI anche direttamente su internet in formato pdf, da scaricare e stampare.
In qualsiasi caso, il modulo CID/CAI è completamente gratuito e si compone di vari fogli: il primo è colorato, mentre il secondo è la copia carbone.
Ogni automobilista possiede il proprio modello CID/CAI, ma in caso di incidente, è sufficiente compilare un solo documento che deve essere consegnato alla propria compagnia assicurativa.
Le due copie devono essere completamente identiche, in caso contrario esse saranno invalidate.
Nel caso in cui l'incidente coinvolgesse più vetture, allora, è il caso di compilare più modelli CID/CAI, i quali devono comunque essere firmati dai vari attori.
Al seguente link è possibile scaricare gratuitamente il modello CID/CAI, in formato pdf: studioperitalemercurio.it .

PERCHÉ È INDISPENSABILE COMPILARE IL MODELLO CID/CAI?

Compilare il modello CID/CAI è molto importante, in quanto consente di denunciare il sinistro e risolverlo nel minor tempo possibile.
Ciò dipende fortemente dalla correttezza della compilazione: infatti, se un modulo CID/CAI è ben formulato e completo di tutte le informazioni, esso costituisce un ottimo documento che riesce a far risparmiare tempo nelle pratiche assicurative.
Compilare il modulo CID/CAI, inoltre, è nell'interesse di tutti, in quanto evita il verificarsi di possibili future truffe; le costatazioni amichevoli rimandate "a dopo", infatti, non promettono niente di buono, in quanto da esse possono insorgere molti problemi, frutto della fantasia e, talvolta, della disonestà della gente.
Ogni volta che si verifica un incidente, dunque, oltre alla calma e ad un po' di pazienza, è opportuno procurare una serie di documenti, ovvero i seguenti:

  • il modulo CID/CAI, appunto;
  • i libretti delle due autovetture coinvolte nel sinistro
  • le patenti dei conducenti
  • i certificati delle due assicurazioni.

Nel caso in cui la controparte non volesse compilare e firmare la parte pertinente, è necessario comunque compilare la propria e consegnarla alla compagnia assicurativa: è opportuno, tuttavia, prendere nota almeno della targa dell'altro veicolo.
Quando un modello CID/CAI non presenta la doppia firma, ovvero, quando il proprietario dell'altro veicolo coinvolto non si decide a firmarlo, allora, il modulo non costituirà più una costatazione amichevole, ma una vera e propria denuncia di sinistro  e averla fatta sarà comunque un vantaggio.
Tramite la compilazione del modello CID/CAI, è possibile ottenere una liquidazione in maniera diretta e in tempi brevi:

  • 30 giorni per il risarcimento dei danni materiali ai veicoli;
  • 45 giorni per il risarcimento alle persone coinvolte.

QUALE È LA STRUTTURA DEL MODELLO CID/CAI?

Il modello CID/CAI, comprende cinque macro aree così articolate:

  • l'intestazione
  • la parte relativa al veicolo A
  • la parte che serve a spiegare e indicare le circostanze dell'incidente
  • la parte relativa al veicolo B
  • un riquadro libero per realizzare il disegno di riferimento per indicare la dinamica dell'incidente.

Conoscendo le parti da compilare e le modalità di trascrizione, è necessario poi prestare la massima attenzione a riportare attentamente tutti i dati richiesti.
Inoltre, il modello CID/CAI può essere suddiviso in varie sezioni numerate, per le quali è indispensabile precisare le seguenti indicazioni:

  • nella sezione 6 vanno inseriti tutte le informazioni dell'assicurato;
  • nella sezione 7 devono essere riportati le caratteristiche e i dati specifici del veicolo e del rimorchio, se presente;
  • nella sezione 8 vanno inseriti i dati dell'assicurazione, che si trovano nel certificato, ovvero il numero della polizza, il periodo di validità, il nome e l'indirizzo dell'agenzia; inoltre, deve essere barrata la casella che identifica la tipologia di polizza assicurativa;
  • nella sezione 9 vengono indicati le informazioni e i dati relativi al conducente e alla sua patente di guida;
  • nella sezione 10 , coloro i quali si occupano della compilazione del modello, devono indicare il punto esatto in cui il proprio autoveicolo ha subito i danni derivanti dall'urto;
  • la sezione 11 è riservata alla descrizione per iscritto dei danni subiti;
  • nella sezione 12 si barrano le caselle che aiutano a comprendere come è avvenuto l'incidente;
  • nella sezione 13 si spiega la dinamica dell'incidente, la direzione dei veicoli, la loro posizione sulla strada al momento dell'urto, la presenza della segnaletica e il nome delle vie.

Il modulo CID/CAI è valido su tutto il territorio europeo e anche in Svizzera.

L'INTESTAZIONE

L'intestazione costituisce la parte più semplice da redigere, in quanto è sufficiente indicare una serie di informazioni, facilmente reperibili e immediati, ma ugualmente importantissima ai fini legali e assicurativi, ovvero i seguenti:

  • la data del sinistro;
  • l'ora del sinistro;
  • il luogo in cui si è verificato l'incidente;
  • il numero dei feriti;
  • gli eventuali danni materiali ai veicoli;
  • gli eventuali danni materiali ad altri oggetti che non siano i veicoli;
  • i recapiti di eventuali testimoni.

LE PARTI RELATIVE AL VEICOLO A E AL VEICOLO B

In realtà non vi è una vera e reale distinzione tra i due veicoli coinvolti nell'incidente: la lettera A e la lettera B non corrispondono realmente a un'autovettura in particolare, dunque non è necessario entrare in panne per la parte da scegliere. Se si inizia a compilare la parte relativa al veicolo A, inserendo i propri dati e poi si farà di conseguenza per la parte relativa al veicolo B, con i dati della controparte.
Una volta stabiliti i ruoli, o le parti (in riferimento ad A e B) che dirsi voglia, è indispensabile compilare il modulo con i campi richiesti, prestando attenzione alle seguenti indicazioni:

nella parte controindicata dal numero 8 e dalla dicitura Compagnia di assicurazione, è opportuno inserire il nome della Compagnia assicurativa e non quello dell'agenzia;

nella sezione contrassegnata dal numero 10, è sufficiente indicare con una freccia, una crocetta o un segno qualsiasi, il punto esatto dove è avvenuto l'impatto.

LE CIRCOSTANZE DELL'INCIDENTE

Nonostante la sezione relativa alle circostanze dell'incidente costituisca una parte da tutti poco attenzionata e curata, essa , invece acquista un ruolo molto importante.
Tale sezione prevede una compilazione standardizzata, sia per la parte relativa al veicolo A, sia per quella del veicolo B, con caselle precise, tra le quali è possibile scegliere quelle che si intendono indicare in merito al proprio autoveicolo.  
Non è necessario avere un completo accorto tra le varie parti interessate nell'incidente circa le dinamiche, ma è sufficiente fornire una descrizione dettagliata così come esso viene visto dalle rispettive parti.

IL DISEGNO DEL SINISTRO

Nella parte relativa al disegno del sinistro, non è richiesta una particolare abilità artistica, in quanto, il modello CID/CAI non prevede nessun premio finale al riguardo, a meno che non si tratti di quello assicurativo.; in qualsiasi caso, quest'ultimo non dipende dalla bravura del disegnatore, ma dalla veridicità di ciò che egli rappresenta.
Il disegno dell'incidente, infatti, è solo un modo per rendere ancora più chiaro e palese la dinamica dell'incidente, poiché a volte, le figure sono molto più comprensibili rispetto ad una descrizione verbale o scritta.
Dunque, il disegno dell'incidente deve essere più naif possibile: è sufficiente indicare un'automobile con un rettangolo, una moto con una linea e due cerchi, un furgone con un rettangolo più grande.
Nel disegno di un sinistro, semmai, è indispensabile indicare il corretto posizionamento degli attori, ovvero le autovetture e le eventuali persone coinvolte, nel modo più conforme alla realtà.
Il disegno può essere completato inserendo una freccia per indicare il movimento e la direzione dei veicoli coinvolti nell'incidente.

VIDEO - ITER DA SEGUIRE PER COMPILARE CORRETTAMENTE IL MODULO CID/CAI

Articolo letto 3.484 volte

Dott.ssa Sara Tomasello