Sa Free, la app che spedisce la denuncia di sinistro alla propria assicurazione

E' in arrivo Sa Free, app di Sicurezza e Ambiente con cui si può spedire la denuncia di sinistro alla propria assicurazione, corredata dalle fotografie che possono chiarire la dinamica dell'incidente, una iniziativa che può contribuire a ridurre i tentativi di frode nel nostro paese.

Si fa sempre più stretto il legame tra il mondo assicurativo e le nuove tecnologie, come dimostra l'arrivo di applicazioni in grado di dare un sostanziale aiuto sia ai consumatori che alle compagnie, con il preciso scopo di combattere le frodi additate dalle seconde come uno dei principali motivi del caro polizze che affligge gli automobilisti del Belpaese. L'ultimo arrivo in tal senso di chiama Sa Free, nuova app gratuita ideata da Sicurezza e Ambiente, una importante azienda che ormai da tempo si occupa di sicurezza stradale e, in particolare, offre servizi tesi al ripristino delle sue condizioni.
Grazie a questo supporto tecnologico, sarà quindi possibile  spedire in maniera semplice e tempestiva la denuncia di sinistro alla propria compagnia assicurativa, dando l'addio al vecchio modulo Cid, la convenzione amichevole di incidente stradale, che ha caratterizzato per molti anni i sinistri sulle strade italiane. Largo perciò agli smartphone a scapito del vecchio formato cartaceo, con una notevole riduzione dei tempi che si unisce alla possibilità di combattere in maniera più efficace i furbetti della strada, quegli automobilisti che con i loro comportamenti illeciti hanno spinto i prezzi delle Rc auto su livelli che sono praticamente doppi rispetto alla media continentale. 

Anche la tecnologia scende in campo contro le frodi assicurative

(Anche la tecnologia scende in campo contro le frodi assicurative)

Va infatti messo in rilievo come la funzione assolta da questa app, non è solo quella di mettere al corrente praticamente in tempo reale la compagnia sull'incidente occorso ad un suo assicurato, ma anche la trasmissione delle fotografie che possono contribuire a dare una prima idea sulla dinamica del sinistro, dando contemporaneamente avvio alla pratica di risarcimento. Un vero e proprio passo nel futuro, da qualcuno già ribattezzato risarcimento danni 2.0. Va peraltro specificato che per gli utenti non tecnologici, quelli che hanno qualche difficoltà nell'usare i dispositivi più avanzati, rimarrà disponibile la possibilità di avvalersi di mezzi più tradizionali, come la semplice comunicazione telefonica, grazie ad un servizio disponibile 24 ore su 24, con un personal assistant che in caso di necessità è pronto a raggiungere il luogo dell'incidente nel breve volgere di una ventina di minuti. 
Inoltre, Sa Free nel periodo precedente al rinnovo della propria polizza consente l'invio alla compagnia assicurativa di un modulo denominato "Ispezione Veicolo" deputato a fornire un quadro generale relativo alle condizioni della propria vettura, documentato con il corredo delle immagini in grado di rendere più chiaro il contesto e poter accedere in tal modo ad uno sconto sull'Rc auto.
Insomma, anche la tecnologia scende in campo in forze nel tentativo di offrire adeguate soluzioni ad un problema, quello del troppo elevato livello delle tariffe assicurative per le auto che sta letteralmente spingendo l'Italia ai margini dell'Europa, con conseguenze drammatiche, come ad esempio gli oltre quattro milioni di autoveicoli che circolano senza copertura assicurativa sulle nostre strade, rappresentando un pericolo sia per sé che per gli altri.

Articolo letto 721 volte

Dott. Dario Marchetti