Gestione e vigilanza sui fondi pensione: CHI garantisce i risparmi dei lavoratori e il loro rendimento?

Un lavoratore che si iscrive a un qualsiasi ente pensionistico deve avere la certezza del recupero al termine dell'attività lavorativa del denaro versato: chi gestisce e vigila il corretto funzionamento del ciclo di versamento e di restituzione della somma spettante di denaro?

Ogni soggetto lavoratore che si iscrive a un fondo pensione o partecipa con una quota della propria retribuzione a una qualsiasi forma di previdenza complementare mette nelle mani di un ente finanziario, di una compagnia assicurativa, i propri risparmi, somme di denaro, che sono detratte al momento in cui si lavora, direttamente dal proprio stipendio per costruire una pensione aggiuntiva a quella che regolarmente l'Inps verserà con l'entrata in pensione.

Ma chi controlla questo meccanismo per cui un soggetto lavoratore paga una quota per costruire un fondo che solo in seguito potrà avere con un totale maggiorato da un rendimento? Come fanno i soldi ad aumentare e, cosa ancora più importante, la creazione del fondo è sicura? Chi controlla che i soldi che i lavoratori versano a un qualsiasi fondo pensione siano realmente conservati, non vengano persi durante gli investimenti che gli enti di previdenza complementare eseguono con tali somme versate? Vediamo insieme i dettagli di questo particolare meccanismo di gestione e vigilanza dei fondi pensione e a chi spetta.

Gestione e vigilanza dei fondi pensione: CHI CONTROLLA i RISPARMI?

E' un organismo di vigilanza e permette di controllare l'adeguatezza e la sicurezza dei risparmi dei cittadini, ovvero delle quote di denaro versate volontariamente dai lavoratori per costruire la propria posizione individuale nella creazione di una pensione integrativa: il Covip, una sigla che sta ad indicare la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, istituito con nel 1993 e diventato completamente operativo nel 1996, anni in cui si sentiva parlare per le prime volte della possibilità di garantirsi un futuro pensionistico migliore con la conservazione di una piccola quota di denaro, che al termine del contratto avrebbe costituito un capitale aggiuntivo al TFR.

ATTENZIONE: per chi volesse avere maggiori informazioni, si consiglia di visitare il nuovo sito internet del COVIP, dedicato a notizie, informazioni, curiosità sull'istituzione del fondo pensione e la sua convenienza nella situazione lavorativa attuale, con la possibilità anche di consultare l'albo dei fondi pensione e effettuare direttamente la ricerca delle tipologie sul sito.

Gestione e vigilanza dei fondi pensione: A COSA SERVE il COVIP?

Il Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, rappresenta l'istituzione per eccellenza dei fondi pensione che ha lo scopo di gestire il controllo e di vigilanza sulle forme di previdenza complementare, limitando abusi da parte degli enti previdenziali, la perdita degli investimenti, la mancata erogazione o un'erogazione non corrispondente alle quote spettanti a un soggetto lavoratore, iscritto al fondo, al termine del servizio lavorativo. Per garantire tali funzioni, la Covip è affiancata da un'autorità pubblica, che ha il compito di garantire i risparmi dei cittadini, la corretta e regolare gestione del rapporto con i fondi pensione, la massima trasparenza nel pagamento delle somme per tutta la durata in cui il lavoratore resta utente/cliente del fondo pensione.

Il Covip ha il compito di autorizzare l'esercizio e l'attività stessa dei fondi pensione e tutte le informazioni e le autorizzazioni a riguardo delle tipologie e delle modalità di gestione delle forme di fondo pensione o di qualsiasi altra forma di previdenza complementare sono conservate in un albo della Covip, con l'obiettivo di vigilare  sulla gestione tecnica, finanziaria, patrimoniale e contabile dei fondi pensione, non dimenticando la funzione principale della garanzia di trasparenza non solo nel versamento delle quote che costituiscono la rendita pensionistica per il futuro ma anche in relazione ai partecipanti stessi al fondo pensione.

La vigilanza sui fondi pensione: il COVIP visto dal COVIP

Quale migliore definizione da dare sul un tale organo così importante come il Covip di gestione e vigilanza dei fondi pensione, ovvero dei risparmi dei lavoratori, se non quella data proprio dal sito dell'organo amministrativo omonimo? (Il corsivo e i grassetti sono i miei)

Il Covi p è l'autorità amministrativa indipendente che ha il compito di vigilare sul buon funzionamento del sistema dei fondi pensione, a tutela degli aderenti e dei loro risparmi destinati a previdenza complementare. Istituita nel 1993 con decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993, la COVIP ha iniziato a operare nella sua attuale configurazione con personalità giuridica di diritto pubblico dal 1996. Di recente le sono stati attribuiti anche compiti di controllo sugli investimenti finanziari e sul patrimonio delle Casse professionali private e privatizzate.

La vigilanza sui fondi pensione: DEFINIZIONE della COMMISSIONE

Per comprendere nel dettaglio la formazione della Commissione del Covip, la quale è formata da particolari figure che hanno il compito materiale di gestione e vigilanza dei risparmi che arrivano nelle forme di previdenza complementare dei fondi pensioni, è importante leggere anche la definizione data a tale organo nel sito ufficiale del Covip: (Il corsivo e i grassetti sono i miei)

E' un organo collegiale i cui componenti sono nominati con decreto del Presidente della Repubblica che segue a una deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata su proposta del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze.

La Commissione è formata da un Presidente e due Commissari. Il Presidente rappresenta la Commissione, la convoca, ne presiede le sedute, ne stabilisce l'ordine del giorno regolando le discussioni e le votazioni; sovrintende all'attività istruttoria e all'attuazione delle deliberazioni. Cura i rapporti con gli organi di governo, con il Parlamento, con le altre istituzioni nazionali e internazionali. Informa il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali sugli atti e gli eventi di maggior rilievo trasmettendo i dati eventualmente richiesti.

I Commissari partecipano alla discussione e alle deliberazioni; propongono iniziative sull'attività e sul funzionamento della Covip, verificandone collegialmente l'attività. La Commissione può decidere di delegare uno dei Commissari a rappresentarla in specifiche circostanze. La durata degli incarichi è fissata in quattro anni, senza possibilità di rinnovo. In attesa della ricostituzione del Collegio, il Dott. Rino Tarelli, in quanto unico componente in carica, svolge le funzioni di Presidente assicurando lo svolgimento di tutte le funzioni che la legge e il regolamento attribuiscono alla Commissione (decreto legge 28 giugno 2013, n. 76, art.10, comma 1).

Il COVIP: il VIDEO INFORMATIVO

Qui di seguito si propone un video informativo che permette di avere tutte le informazioni più importanti e dettagliate sull'organo amministrativo per eccellenza che si occupa del controllo, della gestione e della vigilanza dei fondi pensione, il Covip, permettendovi di avere un'immagine completa e obiettiva del sistema della previdenza complementare e dell'iscrizione individuale a un fondo pensione con l'intento di costruire la propria posizione pensionistica: il tema principale è la previdenza i giovani, che oggigiorno, sempre più spesso, necessitano di tutelarsi da un sistema pensionistico sempre più in crisi.

Gestione e vigilanza dei fondi pensione: ALTRI RUOLI del COVIP

Il Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, si occupa anche della gestione dei fondi pensione della situazione attuale sul territorio italiano, proponendo delle strategie e dei progetti in materia di pensioni e di trattamento previdenziale, producendo informazioni sul suo sito web ma anche attraverso pubblicazioni sul tema, l'organizzazione di seminari e convegni per favorire l'informazione oggettiva prima e in seguito all'iscrizione a una forma di previdenza complementare. Il cittadino lavoratore non deve infatti solo conoscere le forme pubblicitarie che invitano caldamente alla partecipazione ad un fondo pensione ma deve essere consapevole dei vantaggi e degli svantaggi della sua iscrizione, in maniera del tutto obiettiva.

Il Covip, composto da un Presidente e quattro Commissari, nominati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha infatti anche l'importante e indispensabile compito di trasmettere annualmente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali una relazione sull'attività di informazione, comunicazione, gestione, controllo e vigilanza svolta e attuata durante l'anno precedente, corredando il documento dei progetti per l'anno successivo.

Gestione e vigilanza dei fondi pensione: RELAZIONE ANNUALE

Per comprendere meglio e riassumere l'importante ruolo del Covip nel rapporto tra iscritti ai fondi pensione e gli enti previdenziali, si consiglia di visualizzare anche il video seguente, in cui si parla della riforma delle pensioni e del trattamento previdenziale. Nel video, particolare rilevanza ha l'intervento del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Elsa Fornero, in occasione della presentazione della Relazione per l'anno il 2011 della COVIP - giusto per farvi un'idea delle riforme e delle strategie attuate dall'organo amministrativo.

La relazione annuale della COVIP rappresenta chiaramente l'andamento annuale del sistema della previdenza complementare sul territorio italiano e la necessità e convenienza dei soggetti lavoratori di iscriversi a un fondo pensione, che il ministro ritiene di fondamentale importanza per risolvere gli squilibrio della finanza pubblica, realizzando dei momenti di partecipazione dei lavoratori al capitalismo: (si dia importanza al minuto 5:50 al 15:00 minuto circa)

Articolo letto 602 volte

Dott.ssa Maria Francesca Massa