Le agevolazioni per l'iscrizione a un fondo pensione per i lavoratori in prima occupazione: QUANTO è possibile dedurre?

I giovani lavoratori in prima occupazione hanno sempre più bisogno di salvaguardare il proprio futuro pensionistico e, anche se si pensa che sia onoeroso pagare una pensione integrativa, le agevolazioni nel maggiore importo deducibile consentono di ottenere dei vantaggi.Vediamoli.

Avere una pensione integrativa è un'idea che sempre più spesso viene valutata anche dai giovani lavoratori che, seppur si vedono ridurre la retribuzione mensile e avere un contratto di lavoro atipico e precario, necessitano di conservare una somma per il proprio futuro, sempre più incerto dal punto di vista pensionistico. Si parla infatti di una pensione Inps o Inpdap che per i dipendenti pubblici corrisponderà a circa il 50% dello stipendio odierno per scendere al 30% per un libero professionisti e un lavoratore autonomo.

Sembrerebbe quasi impossibile poter vivere con tale somma per cui la soluzione della previsione complementare è un'idea importante per garantirsi una rendita aggiuntiva alla somma che regolarmente verrà corrisposta al termine degli anni lavorativi. L'unico problema è proprio nella somma da versare che costituisce una spesa nella retribuzione già ridotta di un soggetto lavoratore giovane alla prima occupazione. Come fare allora? Vi sono delle agevolazione delle quali è possibile fruire se ci si iscrive ad un fondo pensione. Vediamo insieme quali sono e le caratteristiche principali.

Agevolazioni per giovani in prima occupazione per l'iscrizione a un fondo pensione

Si tratta di un'agevolazione per i soggetti lavoratori di prima occupazione che si iscrivono a un fondo pensione per costruire una propria pensione aggiuntiva e finanziare la propria previdenza complementare: la deduzione. La deducibilità è fruibile anche da coloro che partecipano normalmente all'iscrizione a una qualsiasi tipologia di previdenza complementare e avviano una propria posizione individuale che andrà a realizzare il fondo pensione aggiuntivo per il periodo in seguito al pensionamento ma per i giovani in prima occupazione successiva al 1° gennaio 2007 la deduzione è maggiore, permettendo loro di aderire a un fondo pensione anche con una retribuzione bassa.

Agevolazioni giovani prima occupazione per iscrizione a un fondo pensione: PER CHI?

I soggetti lavoratori compresi nella maggiorazione della fruizione della deduzione, sono coloro che che alla data di entrata in vigore del Decreto legislativo n. 252 del 2005 avevano una posizione contributiva individuale aperta, ovvero partecipavano al pagamento della quota per la costruzione della propria pensione integrativa presso un ente di previdenza obbligatorio.

Agevolazioni per prima occupazione per il fondo pensione: LA DEDUZIONE

La maggiore deduzione dei soggetti lavoratori in prima occupazione al 1 gennaio 2007 iscritti a una qualsiasi forma pensionistica come un fondo pensione comprende che:

  • nei primi 5 anni è consentito dedurre dal reddito complessivo Irpef i contributi eccedenti fino a 5.164,57 euro;
  • la deduzione ha un limite di importo tra la differenza dei contributi nei primi 5 anni e di 25.822,85;
  • il limite di deduzione non deve comunque superare i 2.582,29 euro.

Agevolazioni, deduzione e "Situazione di squilibrio finanziario": cos'e?

In relazione ai fondi pensione dichiarati in "situazione di squilibrio finanziario", ovvero una situazione accertata dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, in moli casi di soggetti lavoratori in prima occupazione si applica la precedente normativa che consente la fruizione della deducibilità dei contributi versati anche oltre il limite di 5.164,57 euro, come segnalato sopra.

Nel caso in cui il soggetto in prima occupazione dal gennaio 2007 sia iscritto ad un fondo in "situazione di squilibrio finanziario" e in contemporanea partecipi al versamento di una quota presso un'altra qualsiasi forma di previdenza complementare, la deducibilità dal reddito complessivo dei contributi versati in questa ultima forma di fondo pensione è possibile solo nel limite della differenza, solo se positiva, tra i 5.164,57 euro del limite espresso sopra e i contributi versati a uno dei fondi in "situazione di squilibrio finanziario".

NOTA BENE: in base a tale normativa, per i soggetti lavoratori in prima occupazione, l'agevolazione all'iscrizione a una qualsiasi forma pensionistica di previdenza complementare prevede che l'importo massimo annuale deducibile nel totale, partendo dal 6° anno di partecipazione al fondo pensione, sia pari a un importo massimo di 7.746,86 euro.

Agevolazioni per prima occupazione per il fondo pensione: FAMIGLIARI A CARICO

E' importante considerare che l'agevolazione fiscale della deducibilità è fruibile anche nel versamento dei contributi dei familiari a carico, per l'ammontare non dedotto dalle persone stesse, e fino a un importo massimo complessivo di 5.164,57 euro. Inoltre, il soggetto lavoratore deve prontamente dare comunicazione dei contributi non dedotti, riferendo anche l'importo non dedotto dalla persona per cui si versano i contributi per la forma di pensione integrativa.

Si consideri inoltre il fatto che se il soggetto per il quale si versano i contributi per il fondo pensionistico è a carico di più persone, la fruizione della deduzione spetta al soggetto al quale è intestato il documento che certifica il versamento dei contributi ai fini del fondo pensione. Nel caso in cui, invece, il documento è intestato al familiare a carico – per cui il soggetto al quale sono versati i contributi per la forma pensionistica, è possibile specificare sullo stesso documento la percentuale di spesa imputabile a ciascuno soggetto che esegue il versamento.

NOTA BENE:  si ricorda che un soggetto può essere considerato a carico di un altro se ha un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro, al lordo.

Agevolazioni per prima occupazione per il fondo pensione:

Nel caso di agevolazione per un soggetto lavoratore alla prima occupazione per la partecipazione all'iscrizione a una forma di previdenza complementare, l'agevolazione al datore di lavoro ha un'importanza fondamentale in questo settore. Per far fronte alla mancata disponibilità del TFR non ancora maturato del giovane lavoratore, è previsto che il datore di lavoro fruisca della deducibilità, dal reddito d'impresa, di un importo pari al 4% dell'ammontare del trattamento di fine rapporto maturato annualmente e all'ente di previdenza complementare e al Fondo per l'erogazione ai dipendenti del settore privato, del TFR; per le imprese con meno di 50 lavoratori, la deduzione è per un importo pari al 6%.

PER RICAPITOLARE: le agevolazioni per prima occupazione per il fondo pensione

Per comprendere meglio e ricapitolare, si osservi la tabella qui di seguito in cui sono riassunte in breve le agevolazioni spettanti ai soggetti lavoratori alla prima occupazione che intendono iscriversi a un qualsiasi fondo pensione, l'importo massimo deducibile, in sintesi riassunto rispetto ai paragrafi precedenti, e le agevolazioni di cui fruiscono anche i datori di lavoro dei dipendenti che si iscrivono a una forma di previdenza complementare:

AGEVOLAZIONE FISCALE PER L'ISCRIZIONE A UN FONDO PENSIONE PER GIOVANI PRIMA OCCUPAZIONE AGEVOLAZIONI AL DATORE DI LAVORO AGEVOLAZIONI PER IMPRESA FINO A 50 ADDETTI
FINO A 7.746,86 EURO DEDUZIONE DAL REDDITO D'IMPRESA DEL 4% DELL'AMMONTARE DEL TFR DEDUZIONE DAL REDDITO D'IMPRESA DEL 6% DELL'AMMONTARE DEL TFR

Articolo letto 3.050 volte

Dott.ssa Maria Francesca Massa