La gestione della polizza: COSA FARE nei casi di SOSPENSIONE, annullamento, RIATTIVAZIONE, annullamento o SINISTRO?

Se si è sottoscritta un'assicurazione è necessario conoscere le direttive della sua gestione, ovvero cosa fare in caso di verifica di sinistro, se si deve annullare, sospendere, sostituire, riattivare la polizza. Ecco le informazioni sul COME FARE e la DOCUMENTAZIONE da presentare.

Durante il periodo in cui si è sottoscritta un'assicurazione, di qualsiasi tipologia, che sia un'assicurazione vita in caso vita o in caso morte, che sia un'assicurazione auto o un'assicurazione per la casa, è necessario affrontare la sua gestione quotidiana nel caso della verifica di alcuni eventi, alcuni necessari al normale svolgimento della pratica dell'assicurazione per la quale paghiamo il nostro premio, come per esempio il rinnovo della polizza; altri situazioni che nascono con lo svolgersi della vita di tutti i giorni, come un sinistro, per il quale richiedere un risarcimento o anche la necessità di annullare la polizza stessa perché considerata troppo onerosa.

Come gestire dunque la vita della nostra assicurazione e cosa fare allora in caso si verifichino gli eventi sopra indicati come un sinistro per il quale fare domanda di risarcimento, la sostituzione, annullamento della stessa polizza; o ancora la richiesta della sua sospensione o anche in seguito la riattivazione; che cosa fare nel caso in cui si ha la necessità di avere una ristampa dell'attestato di rischio, nel momento in cui, per esempio, si ha l'intenzione di cambiare assicurazione. Ecco tutte le informazioni utili per sapere cosa fare in ogni evenienza durante il periodo di sottoscrizione della polizza.

PRIMA DI COMINCIARE..... LA PRIMA COSA da fare

Prima di cominciare vi è da dire che, se si è sottoscritto un'assicurazione, di qualsiasi tipologia sia, vita, auto, casa, al momento in cui si verifica uno dei casi sopra esposti è necessario telefonare, se si è assicurati con una polizza on-line - ma è anche possibile utilizzare questa modalità di avviso se si è sottoscritta una polizza con una compagnia assicurativa standard - o recarsi direttamente presso la sede della compagnia assicurativa con la quale si è assicurati. In questo modo è possibile gestire tutti i casi della propria assicurazione con l'aiuto di un addetto assicurativo o con il servizio cliente, che possono indicare chiaramente cosa fare o intervenire nella denuncia dell'avvenimento e avviare l'eventuale domanda di risarcimento danni.

1. COSA FARE in caso di SINISTRO: l'hai causato tu o sei una vittima?

Per sinistro si intende un qualsiasi evento per il quale si assicurati nella propria polizza. Un sinistro è un incidente in auto, causato da voi o da terzi; sinistro è un evento naturale che causa dei danni alla vostra abitazione; sinistro è anche un furto, un allagamento nella vostra casa, dei problemi di salute per i quali siete assicurati; sinistro è la perdita di un bagaglio durante un viaggio.

Un sinistro è dunque la verifica di un qualsiasi evento per il quale si ha la copertura della propria polizza e per il quale è possibile richiedere il risarcimento dei danni subiti, in rapporto alle proprie responsabilità sui danni e sulla verifica degli eventi. Un esempio importante potrebbe essere quello di un incendio nella propria abitazione per cause dolose, come il mancato spegnimento di una sigaretta. L'assicurazione casa, l'assicurazione mutuo o l'assicurazione scoppio incendio non copre gli eventi legati alla propria negligenza.

In ogni caso, dal momento che si è sottoscritta una polizza è necessario anche conoscere come gestirla nel momento in cui si verificano gli eventi per i quali si è assicurati. La gestione di un'assicurazione prevede infatti la conoscenza dettagliata dei casi in cui è possibile ottenere dei risarcimenti e non solo. E' importante e fondamentale conoscere la modalità di rimborso, come fare per averlo, la documentazione da produrre e da inviare alla compagnia assicurativa e sopratutto la tempistica entro la quale è obbligatorio presentare la denuncia e richiesta, pena la perdita dei benefici.

In caso di SINISTRO: la DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE

Se si è subito un sinistro di qualsiasi tipologia è importante recarsi direttamente alla sede della compagnia assicurativa presso la quale si è assicurati e denunciare l'evento. Molto spesso infatti la polizza prevede un tempo massimo in cui è possibile presentare richiesta di risarcimento e un periodo entro il quale è necessario avvisare la compagnia della verifica di un evento per il quale si è assicurati.

Per comprendere meglio, osserva anche la tabella sottostante in cui si riassume in breve la documentazione da produrre e inviare alla compagnia assicuratrice nei due casi più frequenti nella gestione della polizza: il sinistro stradale  e il sinistro in caso di verifica di calamità naturali:

VERIFICA DI UN SINISTRO DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE MODALITA' DI INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE
STRADALE
  • COPIA DELLA CONSTATAZIONE AMICHEVOLE;
  • DESCRIZIONE DEL SINISTRO;
  • DICHIARAZIONE DELLE FORZE DELL'ORDINE INTERVENUTE;
  • REFERTI OSPEDALIERI.
FAX O E-MAIL
EVENTO NATURALE
  • DENUNCIA ALLE FORZE DELL'ORDINE DELLA CALAMITA' NATURALE;
  • DICHIARAZIONE DEI DANNI SUBITI NELL'ABITAZIONE.
  • FAX;
  • RACCOMANDATA A/r

2. COSA FARE in caso di SOSPENSIONE DELL'ASSICURAZIONE: la DOCUMENTAZIONE

Il secondo caso più frequente tra gli assicurati è sicuramente la necessità di sospendere il pagamento della propria assicurazione perché diventata onerosa, ma anche perché non se ne ha più bisogno. Non pensate che sia difficile recedere dal contratto della vostra polizza ma anzi, sappiate che è vostro diritto farlo. Per quanto riguarda le assicurazioni auto, è possibile far disdetta al termine del contratto della polizza, anche senza darne comunicazione, in base alle nuove normative in vigore sulla RCA auto.

Allo stesso modo, tutte le altre tipologie di assicurazione presenti sul mercato, che vanno dalla polizza casa e mutuo, alla polizza viaggio, alla polizza scoppio e incendio o furto e atti vandalici, permettono di sospendere il pagamento del premio o la stessa assicurazione, fermo restando altre condizioni stabilite in fase contrattuale, e procedere con la sottoscrizione di un'altra polizza, per esempio, o anche nessun'altra assicurazione. Per comprendere meglio e conoscere quale documentazione produrre e inviare per sospendere la propria assicurazione, osserva la tabella sottostante:

SOSPENSIONE DELL'ASSICURAZIONE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
PREMIO TROPPO ONEROSO CONTRASSEGNO DELLA POLIZZA SOTTOSCRITTA
NON PIU' NECESSARIA
CERTIFICAZIONE DELLA POLIZZA
SOTTOSCRIZIONE DI UNA POLIZZA CON ALTRA COMPAGNIA
CARTA VERDE IN CASO DI POLIZZA AUTO

3. COSA FARE in caso di SOSTITUZIONE DELL'ASSICURAZIONE:

Nel caso in cui si sia sospesa la propria assicurazione, è possibile che non si intenda sottoscriverne un'altra ma è anche possibile che l'operazione della sospensione di un'assicurazione sia dovuta alla necessità di stipulare una polizza più vantaggiosa e sostituirla per l'appunto con un'assicurazione presso un'altra compagnia assicurativa. Per eseguire l'operazione di sostituzione della propria assicurazione in maniera ottimale, senza fare l'errore già fatto e ritrovarsi di una polizza della quale non si è soddisfatti è importante sapere che è importante produrre una nuova documentazione con i dati aggiornati, in base alla seguente tabella:

SOSTITUZIONE DELL'ASSICURAZIONE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
SOSPENSIONE DELLA POLIZZA PRECEDENTE DOCUMENTAZIONE CON LE PROPRIE GENERALITA' PERSONALI AGGIORNATE
DOCUMENTAZIONE AGGIORNATA DEL BENE DA ASSICURARE
CONTRASSEGNO DELLA POLIZZA CON DATI AGGIORNATI
ANNULLAMENTO DELLA POLIZZA PRECEDENTE
CERTIFICAZIONE DELLA POLIZZA
SOTTOSCRIZIONE DI UNA POLIZZA PIU' CONVENIENTE NEL COSTO DEL PREMIO
CARTA VERDE IN CASO DI POLIZZA AUTO
SOSTITUZIONE RCA AUTO
  • ATTO DI VENDITA O ROTTAMAZIONE DEL VEICOLO;
  • NUOVO LIBRETTO DI CIRCOLAZIONE DEL VEICOLO;
  • DOCUMENTO DI PASSAGGIO DI PROPRIETA'DEL VEICOLO.

4. COSA FARE in caso di ANNULLAMENTO DELL'ASSICURAZIONE: se non si ha più l'auto!

 Se si è sottoscritta un'assicurazione, come vi è la possibilità di sostituirla o di rinnovarla, vi è anche la possibilità di annullarla completamente. Un esempio chiave può essere il caso in cui si è stipulata una polizza auto e il veicolo assicurato è stato venduto o rottamato: l'annullamento dell'assicurazione RCA auto è la soluzione a questa soluzione, producendo la documentazione descritta nella tabella sottostante e evitandosi così di continuare a corrispondere un premio di cui non si ha bisogno:

ANNULLAMENTO ASSICURAZIONE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
IN CASO DI PERDITA DI POSSESSO DELL'AUTO PER LA QUALE SI ERA SOTTOSCRITTA UNA POLIZZA RCA
  • CONTRASSEGNO DELL'ASSICURAZIONE;
  • CERTIFICATO ASSICURAZIONE;
  • CARTA VERDE;
  • ATTO DI VENDITA DELL'AUTO;
  • CERTIFICATO DI ROTTAMAZIONE.

La disdetta dell'assicurazione: VIDEO INFORMATIVO

Per comprendere meglio e ricapitolare, si propone qui di seguito in video, che spiega in breve la validità della richiesta di disdetta e annullamento di una qualsiasi assicurazione auto, indicando la documentazione da produrre e da presentare presso la propria compagnia assicurativa, in base all'Art. 1899 del codice civile alla sezione "Durata dell'assicurazione", in cui si prevede la facoltà di recedere nell'ultimo anno del contratto; solo nel caso in cui l'assicurazione ha un contratto della durata di 10 anni è possibile recedere con richiesta di disdetta al decimo anno. Ciò implica l'obbligatorietà del pagamento del premio per tutta la durata del contratto di sottoscrizione della polizza:

5. COSA FARE in caso di RIATTIVAZIONE DELL'ASSICURAZIONE: OCCHIO AI TEMPI!

Se si è già avviata la pratica di annullamento dell'assicurazione, come abbiamo visto precedentemente in caso di perdita del possesso del veicolo, è comunque possibile attivare una seconda assicurazione auto, anche se vi sono state delle variazioni nell'auto vettura, in base a una tempistica stabilita nel contratto della polizza. Nel caso i tempi di riattivazione dell'assicurazione precedente siano accettati dalla compagnia assicurativa, preparate la seguente documentazione:

RIATTIVAZIONE DI UNA ASSICURAZIONE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
POSSIBILE IN BASE AL PERIODO TRASCORSO DALL'ANNULLAMENTO DELLA PRECEDENTE ASSICURAZIONE

RICHIESTA SCRITTA DI RIATTIVAZIONE DELLA POLIZZA INDICANDO I SEGUENTI DATI:

  • DECORRENZA DELL'ANNULLAMENTO;
  • DECORRENZA DELLA RIATTIVAZIONE.
VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE DEL NUOVO VEICOLO
  • ATTO DI VENDITA DEL VEICOLO;
  • PASSAGGIO DI PROPRIETA' DEL VEICOLO;
  • CERTIFICATO DI ROTTAMAZIONE.

6. COSA FARE per richiedere l'ATTESTATO DI RISCHIO: serve la minaccia?

Se si è prossimi alla scadenza della propria assicurazione auto e si ha la necessità di ottenere l'attestato di rischio per richiedere un preventivo presso un'altra compagnia assicurativa, la situazione che più di frequente si verifica, è il tanto lavoro degli addetti nel non potervi farvi avere un tale documento. E' una situazione antipatica, che fa perdere molto tempo e pazienza, per cui è importante sapere che la vostra compagnia assicurativa ha l'obbligo di consegnarvi l'attestato di rischio almeno 30 giorni prima della scadenza della polizza e che, oltre a questo, voi avete il diritto di cambiare compagnia quando desiderate, senza pre-avviso. Per comprendere meglio quali sono i vostri diritti in merito, si visioni anche il breve video seguente:

Articolo letto 3.732 volte

Dott.ssa Maria Francesca Massa