Assicurazioni Unit Linked e Index Linked: che cosa sono? Quali sono i costi e i rischi?

Tutte le informazioni relative alle assicurazioni Index Linked e Unit Linked: i prodotti finanziari di investimento da maneggiare con cura. Quale è l'iter che il capitale versato dal contraente deve seguire? Quali sono i costi in percentuale gravanti annualmente sul ricavo? Le clausole e i rischi contrattuale più comuni.

Esistono delle tipologie di assicurazioni sulla vita, particolarmente complesse, le quali prevedono meccanismi di attuazione poco adatti a coloro i quali sono poco propensi al rischio.
Si tratta di prodotti con un alto contenuto finanziario, i quali destinano il rischio dell'investimento esclusivamente al contraente: la compagnia assicurativa, infatti, non offre le garanzie necessarie alla sicurezza economica del cliente, il quale può trovarsi con un capitale a scadenza inferiore rispetto ai premi versati.
Prima della sottoscrizione di un  contratto di questo genere è indispensabile analizzare con attenzione tutti i rischi finanziari contenuti nella Nota Informativa.

CHE COSA SI INTENDE PER ASSICURAZIONI INDEX LINKED E ASSICURAZIONI UNIT LINKED?

Tra le assicurazioni più comuni, corrispondenti alla precedente descrizione, se ne distinguono due, ovvero le seguenti:

  • le assicurazioni Index Linked
  • le assicurazioni Unit Linked.

Mentre le polizze Unit linked riservano il proprio investimento in fondi comuni, le Index Linked, invece, si indirizzano in obbligazioni strutturate; inoltre, le prime hanno una durata pari alla vita dell'assicurato, le seconde, invece, per un tempo predeterminato.
Le assicurazioni Index Linked sono polizze che prevedono un capitale assicurato variante in base all'indice azionario (o ad un altro indice di riferimento) e al suo andamento.
Alcuni dei contratti Index Linked consentono al contraente di godere di garanzie minime da parte della compagnia assicurativa, quali ad esempio la restituzione dell'ammontare dei premi versati, sia nel caso di sopravvivenza dell'assicurato, sia nel caso di decesso.
Per le assicurazioni Unit Linked, invece, si parla di vero e proprio investimento dei premi: quest'ultimi, infatti, vengono versati all'interno dei fondi delle compagnie assicurative (o di imprese esterne come nel caso degli OICR, gli Organismi di investimento collettivo del risparmio) al netto dei caricamenti, costi accessori e costi per la copertura in caso di morte.
L'ammontare del capitale assicurato varia in base all'andamento del valore delle quote dei fondi assicurativi.
Anche in questo caso le compagnie di assicurazioni possono offrire al contraente garanzie minime.
Inoltre, le assicurazioni Unit Linket possono anche essere usate per la formulazione e la stipula di un contratto di un Piano Pensionistico Individuale.
Entrambe le assicurazione presentano una scadenza predeterminata, superiore ai diciotto mesi, con un ammontare limitato. La correlazione di queste polizze agli indici azionari di riferimento, sfrutta tale meccanismo per tutelare il fondo assicurativo dagli andamenti negativi del mercato.
Dall'altra parte, il contraente può avvalersi delle garanzie minime, quali, ad esempio la restituzione delle quote investite, oppure il versamento di un capitale minimo a scadenza, o la corrispondenza di cedole in caso di vita o di morte dell'assicurato.

QUALI SONO LE CLAUSOLE CONTRATTUALI PREVISTE PER LA SOTTOSCRIZIONE DELLE ASSICURAZIONI INDEX LINKED E UNIT LINKED?

Per sottoscrivere un contratto assicurativo Index Linked e Unit Linked, è indispensabile prestare la massima attenzione alle clausole contrattuali, al fine di conoscere anticipatamente il modo migliore per muoversi all'interno di questo mondo.
Le compagnie assicurative devono fornire al contraente una serie di documenti, previsti all'interno della Nota Informativa, al fine di indirizzare e seguire la scelta del futuro assicurato; le informazioni indispensabili sono i seguenti:

  • le soluzioni di investimento offerte dalla compagnia e le combinazioni possibili fra più soluzioni
  • il rischio o il rendimento associati ad ogni investimento;
  • l'eventuale garanzia di risultato finanziario
  • le coperture offerte in caso di morte o di altri eventi della vita;
  • le prestazioni che la compagnia assicurativa garantisce in caso di riscatto totale o parziale delle quote;
  • i costi diretti e indiretti per il contraente.

FOCUS SULLE INDEX LINKED:  SI TRATTA DI INVESTIMENTO O DI ASSICURAZIONE? COME FUNZIONANO?

Le polizze Index Linked (polizze legate a indici) consistono in una particolare tipologia di prodotto assicurativo, il quale rientra a pieno titolo all'interno degli investimenti finanziari. Esse hanno durate predeterminate, varianti da un minimo di quattro ad un massimo otto anni.
In base alla definizione fornita, le assicurazioni Index Linked si presentano sul mercato come prodotti correlati all'andamento dei movimenti azionari dello stesso: le Index Linked presentano prestazioni che dipendono da tutte le tipologie di opzioni esistenti, dunque possono anche trovarsi in maniera combinata.
Le assicurazioni Index Linked sono formate da due componenti:

  • una di natura obbligazionaria per garantire il rimborso del capitale investito (sommato alla quota di una o più cedole certe in corso di contratto) alla scadenza;
  • una di natura strutturata da cui dipende la parte variabile della prestazione, la quale può essere determinata dal rendimento di azioni, indici azionari o panieri di indici azionari nazionali ed esteri.

Oltre alla prestazione variabile (dipendente dall'andamento del mercato), tali prodotti assicurativi e finanziari possono riservare al contraente differenti opzioni contrattuali: dalle garanzie minime di rendimento, alla preservazione del capitale iniziale.
Sia le prestazioni variabili, sia le garanzie minime, sono prodotti a scadenza, mentre esistono dei prodotti combinati, i quali sfruttano le cosiddette prestazioni anticipate, come nel caso di un decesso o di un riscatto.
La copertura offerta dalla compagnia assicurativa deriva dall'acquisto dei titoli strutturali, con prestazioni speculari, rispetto a quelle offerte al contraente della polizza. In questo modo, la compagnia assicurativa rinveste il premio (ovvero, l'investimento) dell'assicurato, acquistando titoli obbligazionari, con prestazione variabile in base agli indici azionari.
Una volta scaduto il contratto di assicurazione sulla vita Index Linked, è possibile che si verifichino due condizioni, ovvero le seguenti:

  • se l'andamento dell'indice di riferimento è stato positivo, il pagamento del capitale versato alla compagnia assicurativa viene maggiorato, in proporzione all'incremento
  • se, invece, l'indice ha subito un risvolto negativo o non positivo, il pagamento del capitale avviene comunque, in aggiunta di un rendimento minimo garantito, previsto dalle cosiddette polizze better off.

In definitiva, è possibile riconoscere due rischi connessi a questa tipologia di assicurazioni, le quali ricadrebbero eventualmente sull'investitore, ovvero i seguenti:

  • il rischio di liquidità, quindi la difficoltà di riscattare la polizza prima della scadenza, con l'aggiunta di un'eventuale commissione di uscita;
  • il rischio di controparte, il quale consiste nella possibilità che l'emittente degli strumenti finanziari non sia in grado di rispondere, a scadenza, agli impegni assunti, a causa dell'instabilità della propria solidità patrimoniale.

I costi delle assicurazioni Unit Index si distinguono nei seguenti:

  • costi espliciti, dichiarati nella polizza e rappresentati da un 2% relativo al costo iniziale, più lo 0,50% per la copertura caso morte;
  • costi impliciti, inerenti all'obbligazione strutturata sottostante, difficili da decifrare e quantificare.

FOCUS SULLE UNIT LINKED: QUALI SONO I PASSIAGGI E I COSTI PRINCIPALI?

Le Unit Linked (così chiamate perché il loro valore è relazionato alle quote dei fondi di investimento) sono polizze vita ad alto contenuto finanziario, legati, per la maggior parte, ai fondi interni di natura sia azionaria che obbligazionaria.
All'interno di questi fondi interni, il contraente può scegliere l'opzione di rischio più adeguata al proprio obiettivo: in queste tipologie di assicurazioni, il denaro versato subisce diversi passaggi, dunque viene sottoposto ad aggravi di costi, prima di essere investito.
L'iter che il denaro versato dal contraente deve subire prima di essere destinato all'investimento nei fondi interni si compone dei seguenti passaggi indispensabili:

  • il versamento da parte del contraente del proprio premio alla compagnia assicurativa;
  • caricamento dei costi della stipula del contratto (dall'1% all'8%) da parte della compagnia assicurativa che trasforma in quote il capitale versato;
  • sul premio da investire gravano altri costi annui, con una percentuale che varia dallo 0,40% al 2,50%, per la creazione, da parte della stessa compagnia assicurativa, di fondi interni appositamente costituiti per destinare le quote del contraente;
  • i fondi interni acquistano nuove quote di fondi comuni e/o sicav, con i relativi costi annui previsti, i quali si aggirano intorno al 2/3%, chiaramente distinti da quelli gravanti sui fondi interni;
  • la tassazione doppia di circa il 12,50% sul rendimento dei singoli fondi comuni d'investimento di diritto italiano e di 12,50% sulle eventuali plusvalenze realizzate.

Le compagnie assicurative hanno l'obbligo di indicare all'interno del contratto l'indicatore sintetico del costo percentuale medio annuo.
In questo modo, ad esempio, se il costo percentuale medio annuo per una durata X di anni fosse del 2%, tutti i costi gravanti sul contratto influirebbero sul rendimento pari alla percentuale indicata, per ogni singolo anno.
Inoltre, raramente sul mercato si riscontrano indicatori sintetici di costo pari al 3 al 4% su una durata di 10 anni, in quanto, sul rendimento annuo del capitale versato si avrebbe una rivalutazione minima sennò nulla.

In definitiva, è indispensabile che ogni singolo investitore valuti bene tutti i costi e la convenienza della sottoscrizione delle assicurazioni Unit Linked a fondi interni, al fine di evitare di incorrere in costi estremamente penalizzanti rispetto a pari investimenti effettuati nei fondi comuni e/o sicav.


Articolo letto 9.835 volte

Dott.ssa Sara Tomasello