Assicurazioni per i ciclisti: novità ed informazioni: l'offerta di Sara Assicurazioni

Assicurazioni per i ciclisti: responsabilità civile e copertura contro furto ed infortuni.

Sarà perché il prezzo del carburante continua a salire, sarà perché il traffico nelle metropoli rende sempre più complicato ogni piccolo spostamento, fatto sta che il numero di ciclisti cresce di anno in anno.

Specialmente nelle cittadine, infatti, la bicicletta è uno dei principali mezzi di trasporto, coadiuvato dal fatto che , in questi posti, i pericoli in strada sono minori.  Da tempo, però, in molti si sono lamentati del fatto che non esistano normative e tutele specifiche per i ciclisti, in grado di garantire loro una certa sicurezza.

Sara lancia sul mercato la polizza Bici2go

Finalmente Sara assicurazioni ha deciso di venire incontro alle esigenze dei cittadini italiani ed offrire loro una polizza che assicuri sia il mezzo che la persona. Infatti, questa nuova proposta consente al contraente di ricevere un rimborso in caso di furto o danneggiamento della bicicletta, ma allo stesso tempo anche una copertura per infortuni o incidenti provocati o subiti dal conducente.

Modalità di adesione e dettagli  della polizza

A partire da 80 euro all'anno, per la tariffa base, potrete mettere in sicurezza sia voi che la vostra bicicletta. Ma quali sono le prestazioni offerte dalla Sara?

Responsabilità civile: copre danni causati a terzi in Italia ed all'Estero mentre si è alla guida del Furto: rimborso fino a 1000 euro nel caso di furto della bicicletta custodita in casa, garage o cantina - Tutela legale: possibilità di assistenza da parte del proprio avvocato, qualora dovessero nascere controversie circa l'utilizzo del mezzo o il rimborso relativo ad esso.

- Infortuni: risarcimento in caso di infortunio
- Assistenza: 24 ore su 24 sarà possibile contattare il centro assistenza per richiedere soccorso, trasporto o personale medico, se dovessero verificarsi incidenti o guasti.

Ovviamente, anche in questo caso, come per tutte le assicurazioni auto e moto, sono presenti delle  clausole limitatorie. Ad esempio, è possibile sottoscrivere tale polizza solo se si sono compiuti i 16 anni e se l'utilizzo della bicicletta non è finalizzato a svolgere attività agonistica. Inoltre, la copertura non sarà valida nei  casi in cui il sottoscrivente non abbia rispettato le normative vigenti o fosse sotto effetto di sostanze stupefacenti o alcool al momento del sinistro.

Sicurezza e risparmio a portata di click

Se siete incuriositi da tale offerta e volete attivarla, potete visitare il sito www.sara.it e leggere il fascicolo informativo della polizza Bici2go. Qui sono elencati tutti i dettagli e le condizioni, incluse le limitazioni, alle quali sarà importante prestare particolare attenzione. Una volta che vi sarete decisi a sottoscriverla , potrete richiedere un preventivo personalizzato direttamente online, oppure contattare un operatore.

Finalmente pari diritti per ciclisti ed automobilisti

Bici2go è senza dubbio un primo passo verso  il riconoscimento dei diritti dei ciclisti, da sempre lasciati fuori dalle tutele, riservate ai conducenti di auto e moto. Infatti,la FIAB, Federazione italiana Amici della bicicletta, da tempo si lamentava del mancato riconoscimento della bicicletta come uno dei mezzi di trasporto principali per lo spostamento casa-lavoro e della conseguente carenza normativa in caso di incidente.  Fortunatamente pare che questa lacuna sia stata, almeno in parte, colmata, regalando ai tanti appassionati della bici un po' di tranquillità.

Infatti, fino a pochi mesi fa, era davvero problematico per tale categoria di persone risarcire terzi in caso di danni provocati loro durante incidenti.

La prudenza è la sicurezza più grande

Anche qualora doveste decidere di sottoscrivere un'assicurazione per la vostra bicicletta, non dimenticate di prestare la massima prudenza quando ne siete alla guida, in quanto questo piccolo e comodo mezzo di spostamento è anche uno dei più pericolosi, in quanto non ci sono airbag e sportelli che vi tutelino. Perciò, non pensate, come purtroppo fanno in molti, che i ciclisti siano esenti dal dover rispettare le norme stradali!

Articolo letto 2.115 volte

Dott.ssa Chiara Valentini