Assicurazione vita legata a mutuo o prestito: tutte le informazioni sulla stipula e condizioni

Al momento della sottoscrizione di un mutuo o di un prestito molto spesso ci si sente richiedere la sottoscrizione obbligatoria di un'assicurazione vita, frequentemente quella proposta dalla stessa banca o ente di credito. Quando la stipula di una polizza vita è davvero obbligatoria?

La sottoscrizione di un'assicurazione vita al momento della stipula di un mutuo è oggi molto richiesta dalle banche, anzi, si può proprio dire che questa sia diventata obbligatoria. Allo stesso modo e con le stesse modalità, la sottoscrizione di una polizza vita è richiesta al soggetto che intende fare domanda per un prestito personale. Ma perché la stipula di una polizza rischio vita è un obbligo, e soprattutto, è DAVVERO UN OBBLIGO? Vediamo insieme i dettagli di questa modalità di sottoscrizione di assicurazione vita, le condizioni e l'obbligatorietà della stessa in base alle normative in materia di assicurazioni.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: QUANDO?

Per chi si avvicina all'acquisto della prima casa o alla richiesta di un prestito personale di somma ingente, non è certo una novità, ma ebbene, si la sottoscrizione di un'assicurazione rischio vita è diventata obbligatoria con la sottoscrizione di un mutuo, arrivando ad avere anche dei costi piuttosto onerosi. La stipula di una polizza vita è richiesta da tutti gli Istituti bancari a garanzia del sicuro recupero del capitale, assicurazione in cui è la stessa banca beneficiaria del capitale e non un terzo soggetto, come accade nella tipologia di polizze a vita tradizionali.

Nel caso di decesso del sottoscrittore del mutuo, la banca recupera un capitale per poter riavere indietro la somma erogata per il pagamento dell'immobile. Si consideri anche il fatto che l'Istituto bancario ha il diritto di non accettare la concessione del mutuo se il cliente dovesse opporsi alla sottoscrizione di un'assicurazione vita e che il soggetto beneficiario della polizza vita è la stessa banca (con la nuova normativa, il soggetto può, invece, scegliere il beneficiario che meglio rispecchia le sue esigenze.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: VALUTAZIONI

MUTUO E POLIZZA VITAPOLIZZA VITA CON BENEFICIARIO LA BANCA
SOTTOSCRIZIONE OBBLIGATORIA

Se ci si riflette bene, in effetti, non è nemmeno una cattiva idea: la banca recupera il denaro erogato con il mutuo e non avanza pretese verso gli eredi del soggetto sottoscrittore del mutuo, che non potrebbero nemmeno avere la possibilità di farsi carico dell'onere della somma residua.

La stessa modalità è applicata al momento della richiesta di un prestito personale di somme elevate, come per esempio i finanziamenti per la ristrutturazione casa, anche se il regime di sottoscrizione della polizza a vita tocca tutte le soluzioni di credito al consumo.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: DECRETO LEGGE

Il D.L 24 gennaio 2012, n.27 prevede nel caso di sottoscrizione di un'assicurazione vita obbligatoria con la stipula di un mutuo o di una qualsiasi forma di credito al consumo, l'Istituto bancario o l'ente di credito devono proporre almeno due preventivi di polizza vita proposte da due differenti compagnie assicurative (è lo stesso caso della sottoscrizione della polizza RC Auto, in cui la compagnia, annualmente deve proporre almeno 3 preventivi di assicurazione di 3 compagnie differenti).

L'Istituto bancario che intende concedere il mutuo con la sottoscrizione di un'assicurazione vita obbligatoria deve dare la possibilità al cliente di scegliere la polizza offerta dalla stessa banca ma anche un'offerta da altri enti assicurativi, accettandone la sottoscrizione senza variare le condizioni e l'importo del premio. In questo modo il soggetto che intende stipulare un contratto di mutuo immobiliare la possibilità di scegliere la polizza casa che meglio si adatta alle sue disponibilità economiche.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: PRETESA DELLE BANCHE

La pretesa delle banche della sottoscrizione della propria assicurazione vita è stata annullata dalla Legge 27/2012 la quale ha previsto la stipula di questa tipologia di polizza ma con l'obbligo per l'Istituto bancario di provvedere alla formulazione di almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi, con la possibilità di scegliere la polizza vita che meglio preferisce. Ma tale situazione potrebbe riflettersi anche a sfavore del soggetto che intende sottoscrivere la polizza, ponendo la banca nella situazione di formulare e proporre soli i preventivi di compagnie assicurative meglio confacente alle aspettative bancarie.

 

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: CONTRATTO STANDARD

Proprio per evitare che gli enti di credito stabiliscano dei requisiti assicurativi a propria discrezione con l'intento di favorire un contratto di assicurazione rispetto agli altri, l'ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ha stabilito le caratteristiche standard di una polizza vita che ogni Istituto bancario deve proporre al suo cliente in fase di stipula di un mutuo immobiliare.

In base al Regolamento ISVAP n. 40 sono stati fissati i contenuti minimi della polizza vita, definendo un modello standard di preventivo. Dal 1° settembre 2012, inoltre, tutte le compagnie assicurative devono mettere a disposizione sul proprio sito ufficiale un servizio on-line gratuito di richiesta preventivi, in modo da velocizzare la richiesta, confrontare meglio le offerte e leggere con maggiore attenzione l'opuscolo informativo, senza dimenticare clausole e condizioni (molto spesso sottovalutate).

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: TABELLA CONTRATTO STANDARD

Per conoscere quali sono i requisiti e i dati dei modelli standard di polizza vita che le banche devono fornire all'atto della stipula di mutuo o di una qualsiasi forma di credito al consumo, si osservi la tabella seguente in cui sono indicate le coperture rischio, la modalità di pagamento e il piano di ammortamento:

COPERTURE POLIZZA MUTA LEGATA A MUTUO O PRESTITOCOPERTURA RISCHIO
RISCHIO ASSICURATO decesso per qualsiasi causa eccetto morte causata da dolo, rischi catastrofali o suicidio.
DURATA stabilita in sede di sottoscrizione del contratto
PAGAMENTO PREMIO
  • anticipato;
  • annuo.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: il BENEFICIARIO non è più la banca!

Da segnalare infine che il provvedimento ISVAP n. 2946 del 6 dicembre 2011, modificando l'articolo 48 del proprio Regolamento n. 5 del 16 ottobre 2006, ha vietato agli Istituti bancari di ricoprire sia il ruolo di venditori di assicurazioni vita (anche se connesse alla sottoscrizione di un mutuo). Dal 2 aprile 2012, con l'entrata in vigore della disposizione, il soggetto che intende stipulare un mutuo immobiliare ha la facoltà di scegliere liberamente il beneficiario, (che non deve più essere la banca stessa) o anche modificalo successivamente alla sottoscrizione della polizza vita.

E' consigliabile, per questo motivo, confrontare le differenti polizze vita presenti sul mercato. Si ha tempo 10 giorni per valutare la soluzione che meglio si adatta alle proprie esigenze alla propria copertura assicurativa. Per evitare errori e incappare in fregature, è importante consultare il Regolamento ISVAP n. 40 che ha stabilito gli importi entro i quali le compagnie assicurative devono stare per il calcolo del premio.

Assicurazione vita connessa a mutuo o prestito: il VIDEO

Qui di seguito si propone un video informativo che permette di comprendere il meccanismo e la procedura da utilizzare per confrontare le differenti tipologie di assicurazione rischio vita da sottoscrivere in caso di sottoscrizione di un mutuo immobiliare. L'operazione prevede la valutazione e il confronto di differenti forme di polizza vita in base al livello di rischio e alle coperture e i piccoli consigli per affrontare la valutazione in maniera ottimale e reale:

Articolo letto 17.296 volte

Dott.ssa Maria Francesca Massa