Governo Renzi su Rc auto e moto, riforma in arrivo?

Pure Simona Vicari, il sottosegretario allo Sviluppo Economico, riferendosi alle tariffe Rc auto e moto, ha dichiarato che queste sono 'esageratamente sproporzionate' alimentando di conseguenza le speranze di messa a punto di misure ad hoc che permettano un abbassamento dei premi .

Il Governo presieduto dal Premier Matteo Renzi si è reso conto in sostanza del fatto che le tariffe Rc auto e moto continuano ad essere troppo care. La conferma in merito, all'Eicma 2014, è arrivata dalle dichiarazioni di Federica Guidi, il Ministro dello Sviluppo Economico, che ha annunciato al riguardo nuovi provvedimenti normativi all'interno del Decreto Competitività che a breve sarà esaminato da parte del Consiglio dei Ministri.

Pure Simona Vicari, che ricopre la carica di sottosegretario allo Sviluppo Economico, riferendosi alle tariffe Rc auto e moto, ha dichiarato che queste sono 'esageratamente sproporzionate' alimentando di conseguenza le speranze di messa a punto di misure ad hoc che permettano un abbassamento dei premi assicurativi specie nelle Regioni del Mezzogiorno. E' probabile che a questo punto il Ministero dello Sviluppo Economico torni a convocare con le compagnie di assicurazione predisponendo dei tavoli di settore ai quali è necessario che però partecipino, oltre ai rappresentanti del mercato delle due e delle quattro ruote, anche le Associazioni dei Consumatori.

E' questa la posizione dell'Adiconsum che, di conseguenza, attende dal Governo italiano un segnale in tal senso. Non c'è però solo l'Rc auto che turba il sonno degli automobilisti visto che in Italia anche i prezzi del carburante continuano a mantenersi alti almeno per le seguenti due ragioni:

  • La tassazione è elevata attraverso le accise e l'Iva imposte dallo Stato.
  • La liberalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti non è ancora completa.

Ne consegue che in Italia la benzina è più cara rispetto alla media europea come si evince dalla seguente tabella:

Prezzi medi al litro della benzina nei Paesi europei
Italia 1,725 euro
Austria 1,369 euro
Regno Unito 1,586 euro
Grecia 1,498 euro
Germania 1,480 euro
Francia 1,412 euro
Spagna 1,332 euro

Questi sono solo alcuni dati, forniti dal Codacons, a conferma di come sia giusto intervenire sull'Rc auto, e come allo stesso tempo sia però necessario prendere dei provvedimenti per calmierare anche gli altri costi che sono legati al mantenimento di un'auto da parte dei cittadini. Pure lo Stato può recitare un ruolo attivo per far sì che mantenere un'auto non rappresenti un lusso visto che per un litro di benzina oltre 1 euro sono solo di tasse. Su benzina e gasolio, infatti, il livello della tassazione è oramai insostenibile, e penalizzante per gli automobilisti, a causa delle accise che sono state introdotte per finanziare guerre, terremoti ed alluvioni del passato.

Articolo letto 695 volte

Filadelfo Scamporrino