Assicurazioni online, come stipulare l'assicurazione d'epoca: consigli e direttive

Quando andiamo a sfruttare i vantaggi delle assicurazioni online, non possiamo dimenticare il risparmio che può provenire da un'assicurazione d'epoca. Due metodi ottimi che, uniti insieme, ci permettono di possedere un'auto spendendo, davvero, solo ciò che occorre.

Al mondo esistono moltissimi modelli di auto. Si può dire tranquillamente che esiste un'automobile per ogni nostra esigenza. Tra i possessori di automobili, poi, ci sono anche coloro che guidano vetture molto vecchie. Auto che non hanno tutti i confort dei veicoli di ultima generazione ma che, sicuramente, non hanno nulla da invidiare per quanto concerne il fascino. Stiamo parlando delle auto d'epoca. I possessori di auto d'epoca, quasi sempre, sono persone che nutrono una forte passione per il collezionismo delle stesse. Per fare in modo che tutto avvenga nel migliore dei modi, poi, non occorre fare altro che utilizzare l'assicurazione specifica per questi mezzi. Molti sapranno, neanche a dirlo, quanto possa essere conveniente, in termini economici, stipulare un'assicurazione d'epoca. Ma cosa occorre per poter mettere nero su bianco? Le caratteristiche principali di un'assicurazione d'epoca, infatti, sono molto differenti dalle comuni stipule. Andiamo a comprenderne tutte le caratteristiche.

Assicurazione d'epoca, ecco tutti i requisiti richiesti

Il primo passaggio chiave, ovviamente, consiste nell'iscrivere la vettura al registro delle auto storiche. L'Automotoclub. Molte agenzie, ad ogni modo, si accontentano anche di una qualsiasi iscrizione a un club di auto storiche italiane. Dopo aver portato a compimento l'iscrizione, è finalmente possibile chiedere un preventivo ai vari assicuratori presenti sul mercato. Neanche a dirlo, le assicurazioni online non sono affatto escluse. In tal senso possiamo citare Genertel, Zurich connect e tante altre. Una volta trovata la compagnia giusta dobbiamo tenere conto dei seguenti fattori:

1) Il numero esatto dei conducenti autorizzati;

2)Tutti i limiti di utilizzo che presenta l'auto, e che verranno sempre menzionati all'interno della polizza assicurativa;

3) Tutte le coperture extra (a discrezione).

4) Polizze d'epoca, le varie peculiarità

Ogni polizza d'epoca, solitamente, mostra uno standard massimale assicurativo che può raggiungere una cifra massima 2500000 Euro; con opzione verso furto e incendio. Una caratteristica assolutamente non trascurabile, poi, è la reale possibilità di circolazione. Molte compagnie, infatti, limitano la stessa a singoli giorni settimanali. Una volta trovata l'assicurazione più adatta alle nostre esigenze, non dobbiamo fare che compilare il contratto in auge. Ci occorreranno tutti i documenti di identità in possesso del guidatore dell'auto e la certificazione ufficiale dell'avvenuta iscrizione al registro ASI.

Come sfruttare tutti i vantaggi di un'assicurazione d'epoca?

L'ottenimento ufficiale dell'assicurazione per i veicoli storici è strettamente collegato alla volontà dell'ASI. Quest'ultima dovrà valutare il corretto stato del veicolo mediante le fotografie richieste e che dovranno essere presentate presso l'associazione. Una volta ottenuto il famigerato documento dovremo pagare solo la tassa di circolazione e non più il bollo auto (oltre che, ovviamente, la quota assicurativa annuale).

Auto d'epoca, come scegliere la polizza giusta?

Quando andiamo a scegliere la nostra assicurazione d'epoca, dobbiamo valutare con cura numerosi fattori. Il primo dei quali, sicuramente, è l'assistenza fornita. Ma non è trascurabile neanche il numero dei conducenti in possesso dell'autorizzazione e tutti gli altri limiti di utilizzo. Non dobbiamo dimenticare che, nonostante le cifre richieste per il pagamento annuale siano del tutto irrisorie se confrontate con le polizze comuni, possiamo incappare in numerosi divieti alla circolazione. Come, ad esempio, il divieto per i veicoli inquinanti. Molte compagnie infatti riescono a offrire prezzi sinceramente ridotti ma limitando considerevolmente la validità e i turni settimanali.

Assicurazioni d'epoca, a chi si rivolgono?

Altra nota decisamente indicativa, soprattutto quando andiamo a parlare di persone non esageratamente facoltose, è che nessun automobilista affiderebbe una Ferrari a uno sconosciuto. Anche se il risparmio economico, nella maggior parte dei casi, supera abbondantemente il 50%, tutte le assicurazioni online, storiche e non, sono principalmente indirizzate verso una clientela giovane. Quindi, in aggiunta a un riconosciuto risparmio economico, arriva anche la semplificazione proveniente dal web. Così facendo, i prezzi si riducono ulteriormente e la disponibilità economica, di questi tempi, è una vera manna dal cielo.

Le caratteristiche della polizza da stipulare

Tutte le auto d'annata, ovviamente, hanno il diritto di possedere un contratto economico concernente il premio della Rc Auto. Quelle poche vetture che pagano il bollo, poi, il prezzo non supera i 30 euro annui. Un costo davvero irrilevante, soprattutto in virtù dei costi comuni. Altre importanti agevolazioni, poi, provengono dall'iscrizione al più illustre rappresentante del settore: L'Automobilclub Italia. Questo marchio è in grado di offrire incredibili agevolazioni  e convezioni con la compagnia assicurativa Allianz. Così facendo, sarà possibile sfruttare, nel migliore dei modi, ogni sorta di sconto concernente la polizza in auge. Siamo sicuri che, una volta acquisite tutte le norme che regolano l'assicurazione d'epoca, davvero, sarà difficile fare un passo indietro.

Articolo letto 737 volte

Vinicio Marchetti