Arriva l'app che controlla lo stile di guida

Con la nuova app che controlla lo stile di guida, gli automobilisti che decideranno di sottoporsi all'esame in questione potrebbe avere in cambio una riduzione delle tariffe relative alla propria RC auto, sotto forma di buoni sconto e senza alcuna limitazione sul piano della privacy.

Lo stile di guida è molto importante, in quanto può influire non poco sulla probabilità da parte dell'automobilista di incappare in incidenti alla guida del suo veicolo. Anche le compagnie assicurative danno grande importanza a questa parametro e proprio per sfruttarne al massimo la valenza si sono attivate per cercare di comprendere quello dei propri utenti.
In tal senso va registrata una importante novità nel campo dell'assicurazione auto: le compagnie assicurative avranno infatti la possibilità di attivare un'app con la quale potranno monitorare lo stile di guida dei clienti che decideranno di installarla sul proprio smartphone.

Cosa ne potrebbe conseguire?

La novità è importante anche per gli assicurati, in quanto chi deciderà di aderire al controllo della sua guida potrà spuntare condizioni e tariffe più convenienti. Una condizione che conviene naturalmente alla parte più disciplinata, ovvero i guidatori più prudenti e attenti al Codice della Strada, i quali potranno usufruire di buoni sconto da utilizzare per l'acquisto di polizze per la Responsabilità Civile della propria auto.

E' in arrivo la app che monitora lo stile di guida

(E' in arrivo la app che monitora lo stile di guida)

Mentre gli altri potrebbero essere indotti a comportamenti più prudenti, proprio per vedersi abbassare prezzi che nel nostro Paese continuano ad essere molti alti.

L'obbligo di informare i clienti

Le compagnie assicurative, dal canto loro, avranno però l'obbligo di informare correttamente i conducenti, oltre a dover limitare i tempi di conservazione dei dati di cui sono venuti in possesso e dover garantire la privacy degli utenti. Obblighi che sono espressamente richiamati all'interno dell'ultima newsletter del Garante per la protezione dei dati personali. Insomma, si è cercato di mettere insieme le esigenze di tutte le parti all'interno di un quadro normativo che tenga nel debito conto anche del diritto alla privacy che è ormai considerato inalienabile.

Una app gratuita

Nel concreto, il progetto varato prevede lo sviluppo di un'applicazione gratuita che dovrà essere installata sul cellulare e che avrà il compito di attribuire un punteggio basato sullo stile di guida rilevato, oltre a consentire agli utenti di visualizzare i luoghi potenzialmente rischiosi, ovvero quelli dove è necessario fare inversioni ad U o brusche frenate e accelerate. Se l'obiettivo dichiarato è quello di promuovere modalità di guida più sicure e contribuire a un minor consumo di carburante, sembra assolutamente ragionevole pensare che sia il primo ad interessare veramente le compagnie.

Modifiche necessarie

Le stesse compagnie potranno a loro volta attivare l'app soltanto dopo aver proceduto a modificarla in modo da garantire al massimo la riservatezza degli automobilisti, sulla base delle richieste dal Garante.

Lo stile di guida è un parametro che va assumendo una importanza vitale per le assicurazioni

(Lo stile di guida è un parametro che va assumendo una importanza vitale per le assicurazioni)

Va anche ricordato come il partner tecnologico coinvolto nella fornitura del servizio non potrà conservare i dati sulla geo-localizzazione dei guidatori per un arco temporale superiore a novanta giorni, oltre a poter trasmettere alla compagnia assicuratrice informazioni statistiche sulle strade percorse soltanto dopo aver provveduto a rendere anonimi i dati, tramite l'eliminazione di ogni riferimento agli automobilisti. Gli utenti potranno essere contattati dalle imprese solo dopo aver manifestato il loro specifico consenso alla profilazione del proprio stile di guida, mentre i dati acquisiti potranno essere conservati dalla compagnia assicuratrice al massimo per dodici mesi ed esclusivamente per finalità legate al marketing

Articolo letto 408 volte

Dott. Dario Marchetti