Al via un nuovo obbligo per il libretto di circolazione

Dal prossimo tre novembre, scatterà un nuovo obbligo per il libretto di circolazione, relativo alla comunicazione alla motorizzazione civile del reale utilizzatore di auto, moto e rimorchi.

Dal prossimo tre novembre, scatterà un nuovo obbligo per il libretto di circolazione, relativo alla comunicazione alla motorizzazione civile del reale utilizzatore di auto, moto e rimorchi. Previste inoltre sanzioni molto alte nel caso di non rispetto della nuova normativa, con multe anche di 705 euro e successivo ritiro del libretto di circolazione. 

I nuovi obblighi sul libretto di circolazione partiranno dal prossimo tre novembre 2014. Esclusi i veicoli di familiari conviventi

A seguito della riforma del codice della strada del 2012, sono state  introdotte delle importanti novità sul libretto di circolazione, che entreranno in vigore dal prossimo tre novembre 2014. In pratica ci sarà un vero e proprio obbligo di registrare il proprio mezzo di trasporto alla Motorizzazione civile, indicando sul relativo libretto di circolazione l' identità di altri guidatori ( oltre lo stesso intestatario) laddove la disponibilità del mezzo sia superiore ai trenta giorni.

Dovranno inoltre essere registrate tutte le variazioni in corso d' opera: come ad esempio un cambio del nome per le persone fisiche ( in relazione alle generalità) e per le persone giuridiche (in relazione alla denominazione).

Previsti a tal fine duri controlli per il rispetto della nuova normativa, con multe che possono arrivare anche a cifre elevate di 705 euro, con successivo ritiro del libretto di circolazione. Ma attenzione a non fare confusione con quanto stabilito dalla nuova normativa sul libretto di circolazione, che andrà cioè applicata solo nei confronti di flotte aziendali e  auto a noleggio nel lungo termine.

Restano quindi esclusi cittadini privati, autotrasportatori ( iscritti ad apposito albo) e possessori di licenza per guida di taxi e autobus. Per quanto attiene invece i familiari conviventi, non verrà applicato il nuovo obbligo sul libretto di circolazione, così come definito anche nella relativa circolare ministeriale n.15513 dello scorso 10 luglio 2014).

tabella: gli obblighi e le sanzioni imposte dal tre novembre 2014

 

Tipologia di utenti

Sanzioni

obbligatoria flotte aziendali e auto a noleggio nel lungo termine
705 euro
non obbligatoria cittadini privati e autotrasportatori
ritiro libretto di circolazione

In definitiva per tutti gli atti successivi alla data del tre novembre 2014 attuati da soggetti fisici e giuridici coinvolti dalla nuova normativa, dovrà essere attivata una intestazione temporanea, che non implica il passaggio di proprietà del veicolo, ma un semplice aggiornamento dei dati sul proprio libretto di circolazione, inserendo un tagliando inviato dalla Motorizzazione civile per un costo complessivo di circa 25 euro da applicare ad ogni veicolo ( 16 euro è in particolare il valore dell' imposta da bollo, mentre 9 euro è il valore sui diritti della Motorizzazione).

Viceversa tutte le variazioni che saranno intervenute prima della suddetta data,  saranno lasciati ad una discrezione dell' utente, che potrà comunicare di propria volontà ogni variazione intervenuta.

Nel caso infine di comodato di veicoli aziendali, non sarà necessario inserire il nome dell' utilizzatore sul libretto di circolazione,  ma solo una registrazione alla motorizzazione, senza nemmeno l' obbligo di dover conservare a bordo la ricevuta dell' adempimento.

tabella: variazioni di comunicazioni prima e dopo il tre novembre 2014

 

03 novembre 2014

ente per le comunicazioni

prima  discrezione utente comunicazioni variazioni
Motorizzazione civile
dopo obbligo utente comunicazioni variazioni
Motorizzazione civile

Articolo letto 4.796 volte

Dott.ssa Iolanda Piccirillo